Testa di Moro: la leggenda

teste-di-moro-ceramiche-siciliane-pattesi-1
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su print

La Testa di Moro ci insegna una importante lezione: mai tradire una siciliana! Vi spieghiamo perché.

La Testa di Moro è un oggetto caratteristico della tradizione siciliana. Si tratta di un vaso in ceramica dipinta a mano utilizzato come ornamento che raffigura il volto di un Moro e talvolta di una giovane donna di bell’aspetto. Dietro questo famoso oggetto si nasconde una interessante leggenda.

Un’antica leggenda narra che intorno all’anno 1100, durante il periodo della dominazione dei Mori in Sicilia, nel quartiere Kalsa di Palermo,  viveva “una bellissima fanciulla dalla pelle rosea paragonabile ai fiori di pesco al culmine della fioritura e un bel paio di occhi che sembravano rispecchiare il bellissimo golfo di Palermo“.

La ragazza era quasi sempre in casa, e trascorreva le sue giornate occupandosi delle piante del suo balcone. Un giorno si trovò a passare da quelle parti un giovane Moro, che non appena la vide, subito se ne invaghì e decise di averla a tutti i costi. Quindi senza indugio entrò in casa della ragazza e le dichiarò immediatamente il suo amore.

La fanciulla, colpita da tanto ardore, ricambiò l’amore del giovane Moro, ma ben presto la sua felicità svanì non appena venne a conoscenza che il suo amato l’avrebbe presto lasciata per ritornare in Oriente, dove l’attendeva una moglie con due figli. Fu così che la fanciulla attese la notte e non appena il Moro si addormentò lo uccise e poi gli tagliò la testa. Della testa del Moro ne fece un vaso dove vi piantò del basilico e lo mise in bella mostra fuori nel balcone.

POTREBBE INTERESSARTI

maioliche dipinte a mano
Blog

La Maiolica Siciliana

e prime tracce della comparsa della ceramica in Sicilia si fanno risalire al Neolitico, periodo di

Blog

Testa di Moro: la leggenda

La Testa di Moro ci insegna una importante lezione: mai tradire una siciliana! Vi spieghiamo perché. La Testa